2015

L’elezione del 2015 è per diversi punti di vista il banco di prova finale del movimento a 25 anni dalla prima edizione del suo settimanale “Il Mattino Della Domenica”: il partito corre completamente da solo senza alleanze e secondo molti la mancanza di Borradori, nel frattempo diventato Sindaco di Lugano, potrebbe influire sul risultato. Oltre a questo, Claudio Zali prende le redini del dipartimento del territorio per la prematura dipartita di Michele Barra e riesce a convincere la popolazione ticinese grazie al suo pragmatismo diventando per tutti “l’uomo che fa” facendo incetta di voti e siglando il primato di uomo più votato nella storia del Ticino: il mantenimento di due rappresentanti in Consiglio di Stato è la conferma definitiva che la Lega Dei Ticinesi ha fatto e farà anche in futuro la storia politica del Cantone.

← Indietro